Banner sito jpeg

L'unico movimento del e per il popolo italiano!

Ormai lo sappiamo: sono malati di mente

Pubblichiamo l’articolo del vicesegretario Andrea Chessa, che potete trovare qui


Parlo generalmente male di coloro che sono di sinistra. Li descrivo come ipocriti, abbietti, moralmente disgustosi, e infine li indico come affetti da quella forma di antirazzismo che supera l’antirazzismo in se e per se per sfociare nella malattia mentale e nel patologico.

Spesso la cronaca mi viene in soccorso e mi conferma che si, ho ragione io: l’antirazzismo è una forma perversa di malattie mentali, che a nostro avviso dovrebbe essere inscritta prepotentemente nel capitolo delle malattie mentali e dei disturbi della personalità.

Prendiamo il caso di cui hanno scritto La Stampa e Il Secolo XIX nei giorni scorsi: il caso di un’attivista dei “No borders” (che tradotto dall’inglese significa “nessun confine” oppure, più letteralmente, “no ai confini”, e già questo ci dà l’idea del tipo di criminali che possono essere), un gruppo di mentecatti che da qualche mese staziona al confine italo-francese con lo scopo, a loro dire, di portare aiuto ai profughi. Non avevo mai sentito questo gruppo, ma grazie ad internet posso farmi, abbastanza precisamente, un’idea: un gruppo di criminali e di sovversivi, ampiamente protetti e coccolati dalle forze di polizia e dalle istituzioni (di sinistra per definizione), che aiutano i clandestini (riappropriamoci della lingua italiana: non chiamiamoli migranti, per piacere!) in una zona abitata, con musica ad alto volume fino a tarda notte, schiamazzi, urla, e quel bel campionario di pulizia e di igiene che solitamente si riscontra nei cessi sociali.

Secondo quanto riportato dai quotidiani citati, un mese fa una attivista di questo centro sociale sarebbe stata letteralmente picchiata e stuprata da un clandestino ai quali questa massa di idioti dava una mano; l’alto volume della musica – così dicono – avrebbe impedito agli altri subanimali presenti di accorgersi della tragedia e intervenire immediatamente per fermare le violen… pardon, attenzioni, che questo “migrante” offriva generosamente alla donzella che altrettanto generosamente lo aiutava.

Oggi veniamo a sapere, dopo addirittura un mese, che i cessi sociali avrebbero fatto di tutto per occultare la violenza, al fine di non spargere ombre truci sui “poveri migranti”. Come dire? Se la realtà è contro di noi, allora peggio per la realtà!

La prima cosa che mi viene da pensare è che ho dovuto aspettare un mese per venire a sapere di un avvenimento del genere. Il che significa che diverse, tante persone, hanno fatto quadrato cercando di non far trapelare assolutamente la notizia.

Ho dovuto leggerla su internet, mentre penso che se si fosse trattato di una violenza di un pericoloso skinhead contro un clandestino, o se la violenza fosse stata consumata da un italiano, avremmo avuto decine e decine di speciali alla televisione e sui giornali sul pericoloso ritorno delle destre e sulla cattiva e razzista e xenofoba violenza fascista. La libertà di informazione si applica sui nemici e si interpreta con gli amici. O con i padroni, a seconda della convenienza del pennivendolo di turno.

I mass media stanno cercando di fare quadrato per nascondere quella che è, a chiunque non abbia ancora portato il proprio cervello dallo sfasciacarrozze, una evidenza: una vera e propria invasione, attuata senza armi, che sta cambiando definitivamente il volto dell’Europa, finendo per alterare i suoi equilibri politici, spirituali (ammesso e non concesso che questo ammasso di larve chiamato Europa li abbia ancora, dei postulati politici e spirituali) e finanche economici. Ogni giorno siamo costretti a sorbirci storie strappalacrime sulla bambina salvata dal gommone in procinto di affondare, o sul “povero” clandestino che fugge dalla guerra del suo Paese (quindi dopo aver abbandonato moglie e figli al loro destino, verrebbe da pensare; in altre parole: un vigliacco), o sul dramma dei migranti. Raccontare, anche solo per una volta, la violenza subita da una attivista di un cesso sociale ad opera di quello che viene ormai cristianizzato come il “povero migrante” significherebbe, anche un minimo, contraddire quella enorme montagna di balle e di falsificazioni sulle quali si basa tutta la propaganda di massa da qualche anno a questa parte. Contraddire, cioè, l’idea del migrante come portatore di valori, buono, intimamente ben disposto verso il prossimo. Del resto non fu proprio la Boldrini, in un convegno di qualche anno fa, ad affermare testualmente che “Lo stile di vita degli immigrati ben presto diventerà lo stile di vita di ognuno di noi?” Si, fu proprio lei.

Se la cosa non fosse ancora chiara, inoltre, è dimostrata, ancora una volta, la malattia mentale, l’ipocrisia, la cattiveria, la falsità dei centri sociali di sinistra, di qualunque nazione essi siano: al bando le litanie sul maschio stupratore, sui diritti della donna, sul femminismo radicale e radical-chic, sulla violenza di genere, su tutto quello, cioè, con cui si riempiono la bocca un giorno si e l’altro pure. Se ti violenta un immigrato devi tacere! Non vorrai mica gettare benzina sul fuoco alimentato dai fascisti, dai razzisti e dagli omofobi?

Spiace per questa ragazza, anche se non la conosco. Immagino, ma lo immagino solamente, come possa essere umiliante subire una violenza fisica e sessuale e non essere nemmeno in grado di denunciarla. Quando frequenti un gruppo di persone di merda, e ti circondi di persone di merda perché in effetti hai delle idee di merda, puoi ottenere solo una cosa: merda.

 

Continue Reading

Bologna: in giro per il centro e la zona universitaria

Pubblichiamo il comunicato della sezione bolognese.

I camerati bolognesi di MFL a spasso per il centro e la zona universitaria!
Come abbiamo detto in queste ore, è l’azione militante l’unica cosa che conta e Noi abbiamo dimostrato oggi – per l’ennesima volta – che nessuno spazio ci è precluso.
Via San Vitale, via Indipendenza, via Zamboni, la Facoltà di Economia e il dipartimento di Psicologia… Noi andiamo ovunque, alla faccia dei collettivi che si credono “monopolisti”.
Non Forza Nuova.
Non CasaPound.
Solo Movimento Fascismo e Libertà!

12019849_878307998912125_1080078353457440298_n

Continue Reading

Bologna: volantinaggio al Galvani

Oggi la sezione bolognese di MFL-PSN ha effettuato un riuscito volantinaggio davanti al Liceo Galvani, trovando una serena e interessata accoglienza da parte degli studenti, curiosi di poter confrontarsi con una posizione politica indipendente dai soliti poteri forti – bianchi, rossi e chi più ne ha più ne metta – e non conforme nella sua azione militante.
E’ proprio così che Noi intendiamo l’attività politica sul territorio: per il popolo, tra il popolo, faccia a faccia, sfidando il perbenismo e i benpensanti che ci vorrebbero in un ghetto a rievocare ciò che l’immaginario collettivo, nel vano tentativo di demonizzarci, ci ha dipinto addosso.
Non cederemo un solo centimetro di terreno! E continueremo a portare il “verbo” ovunque la nostra coscienza politica lo richiederà.
Avanti!

Continue Reading

Se il marxista Fusaro esalta il fascista Gentile

Schermata-2014-10-08-alle-21.08.26-633x415

I tempi non sono più quelli di una volta, si dice spesso. Per certi versi è un male, per altri invece è possibile essere più clementi, per non dire interessati. Quest’ultimo è il caso di Diego Fusaro (clicca), giovane ricercatore dalla forte preparazione filosofica e curatore di un blog sul Fatto Quotidiano. Fusaro si definisce “allievo indipendente di Hegel e Marx. Al di là della destra e della sinistra. Anticapitalista in lotta per l’emancipazione umana”.  Di fatto, è un neomarxista. Nonostante questo – o forse proprio per questo – nulla gli ha impedito di pubblicare su testate quali L’intellettuale dissidente e il Fatto Quotidiano stesso un articolo illuminante intitolato “La Buona Scuola è quella di Giovanni Gentile”. Naturalmente il riferimento è a Matteo Renzi, che ha così denominato la sua ridicola riformetta dell’istruzione. Nell’articolo vengono elencati le motivazioni che portano a ritenere che la riforma Gentile, di epoca fascista, sia la migliore che l’Italia abbia mai visto.

QUI l’articolo di Fusaro. Buona lettura.

Continue Reading

Quell’insopportabile bambino morto sulla spiaggia

cf0973d37b9cea25f8fe89c65192bf56

Sì, è vero, la foto che ritrae un bambino siriano riverso sulla spiaggia di Bodrum (Turchia), diffusa in queste ore dal giornale comunista il manifesto (che ne ha fatto anche la sua prima pagina di oggi), è insopportabile. Ma vediamo, di seguito, se anche i buonisti hanno qualcosa da rimproversarsi…
L’immagine, certamente molto cruda, è una dura lezione per i popoli europei, così come lo è la storia di Reem Hassam (clicca) – destinata, per forza di cose, visto l’andazzo radical-buonista di questa nazione, a passare sostanzialmente sotto silenzio -, altra siriana, per i Siriani e per i popoli orientali in generale. La storia di Reem, come potrete leggere, insegna a tutti i profughi – veri e presunti – che il primo dovere di colui che appartiene a una terra è combattere per essa quando viene minacciata da un pericolo, esterno o interno che sia, rimanendo all’interno dei suoi confini. Non è o non dovrebbe essere eroismo, ma naturale istinto di autoconservazione applicato alla propria comunità d’appartenenza, ma tant’è…
Di riflesso, la vicenda di questo bambino senza identità è un monito ai passati e presenti errori legati al colonialismo imperialista dei popoli europei verso le altre nazioni (è innegabile, infatti, che, se gli euro-americani non avessero ridotto in un certo modo diversi popoli lontani, tali popoli sarebbero rimasti con ogni probabilità appunto lontani da noi). Non solo, però! Affibbiare tutte le responsabilità agli effetti collaterali (mica tanto) del neocapitalismo sarebbe riduttivo e costituirebbe di certo un’autoassoluzione per certe ignobili categorie di individui che speculano sui fenomeni migratori.
Come appunto quelli del manifesto, che strumentalizzano immagini e vicende di questo tipo per diffondere la loro ripugnante propaganda pro-immigrazione selvaggia, insomma la globalizzazione dei popoli, il meticciato mondiale. E dire che dovrebbero essere anche loro – e adesso ci riferiamo a quei politici e a quelle persone che nelle posizioni del manifesto si rivedono – a fare mea culpa cospargendosi il capo di cenere. Infatti, la loro è una responsabilità materiale, quando sono (o sono stati) al governo, e morale, quando con la loro condotta hanno impedito alla coscienza della nazione di sviluppare un metodo di approccio preventivo a un’ondata migratoria generalizzata che si sapeva per certo che sarebbe arrivata e che sta duramente colpendo soprattutto l’Italia. Lo hanno impedito in nome di una distorta concezione anti-nazionale dei diritti umani.
Pertanto, vedano di non nascondersi dietro un dito o, peggio, di pontificare con l’indice alzato e lo sguardo severo, quasi a testimoniare una superiorità morale che non c’è e non può logicamente esserci! La responsabilità di tutti i morti nel Mediterraneo, infatti, grava anche su di voi, inerti buonisti.

Continue Reading