Banner sito jpeg

L'unico movimento del e per il popolo italiano!

Elezioni francesi: vince Angela Merkel

Le elezioni nazionali francesi, conclusesi con la vittoria di Macron e per la grande gioia di Angela Merkel (che d’ora in poi potrà far ripartire il treno franco-tedesco ancora più forte di prima), segnano un netto arretramento dei nazionalismi e dei patriottismi e sanciscono un dato di fatto evidente: la dimostrazione assoluta, volgare e totale del potere massonico internazionale. Che, senza lesionare in uomini, soldi e mezzi, ha investito tutte le sue speranze e le sue risorse su un massone e banchiere colluso col fallimentare governo Hollande e un ologramma dei Rotschild, riuscendo ad imporlo contro un movimento come il Front National e contro una leader come Marine Le Pen. Intendiamoci: noi di Fascismo e Libertà non guardavamo di certo alla Le Pen e al suo partito come ai salvatori della Patria (né francese né europea, come troppi fascisti all’amatriciana hanno fatto), ma sarebbe stato comunque un vero smacco, per le elites massoniche e usuraie internazionali, venir beffate, dopo un investimento così importante su Macron, dal movimento di estrema destra francese, contrario all’Europa e all’immigrazione. E sarebbe stato un segnale, forse piccolo, anche per noi. Forse. Perché la cantonata che ho preso con Trump, che due giorni dopo aver dichiarato che rovesciare Assad non era una priorità e che bisognava cercare un dialogo con la Russia per poi bombardare la Siria senza tanti complimenti, la ricordo ancora.

Di certo c’è un dato di fatto: che il burattino dei Rotschild, il Ministro dell’Economia col governo Hollande, sostenuto da una grancassa mediatica imponente e sfacciata oltre ogni immaginazione e oltre ogni pudore, ha dimostrato che quando le elites si mobilitano, sanno vincere, e sanno farlo in grande. 

A tal punto che riescono anche a silenziare i media e a ricondurli nel più assoluto rigore. La dimostrazione più lampante di ciò è come siano riusciti a silenziare il documento di Wikileaks riguardo un conto offshore alle Bahamas che Macron avrebbe nascosto al fisco francese. Immediatamente tutti i media si sono affannati a dimostrare come si trattasse di un falso e hanno liquidato la cosa come una macchinazione semisegreta di Trump e di Putin, desiderosi di far vincere la Le Pen e quindi di mettere in difficoltà il suo oppositore. Dubito molto che, se il caso fosse scoppiato a parti inverse, la cosa sarebbe stata liquidata con qualche articoletto complottista antiamericano e antirusso.

Ovviamente, però, la vittoria di Macron non si spiega solo in questo modo. Vi è anche un’altra evidenza che pochi, almeno nella stampa ufficiale, hanno messo in luce. La Francia multietnica, i negri delle periferie che hanno messo a ferro e fuoco Parigi, le decine e decine di migliaia di immigrati, hanno votato in massa contro Marine Le Pen, come era prevedibile nel momento in cui questa viene descritta come una razzista, una xenofoba, una fascista, e via blaterando. Era ovvio che Macron, l’uomo della globalizzazione e della “mondializzazione regolamentata” – testuale, esattamente così, lo hanno descritto i 73 professori universitari che qualche giorno fa hanno firmato un appello in suo aperto ed esplicito sostegno, desse più garanzie a questa gran parte di popolazione che essenzialmente non si sente francese – perché non è francese – e non ha alcuna intenzione di farsi assimilare. Ciò significa, né più né meno, che i francesi, quelli veri, ormai non possono più, da soli, esprimere una forza di governo attiva e che possa imporsi come guida per il Paese. Detto in altre parole: i francesi sono diventati minoranza in casa loro. 

Raccolgano ciò che hanno seminato, allora.Cosa sarà lo vedremo presto.

Continue Reading

Legittima difesa: la solita porcata all’italiana

Devo essere sincero: quando, prevalentemente su Facebook, i miei contatti commentavano la nuova legge sulla legittima difesa, ho pensato che ci fosse un errore o, alla meglio, che si stesse facendo solo un po’ di sana goliardia. Mi sembrava impossibile che in una Nazione civile potesse essere introdotta una norma relativa alla legittima difesa che ti permette di sparare al ladro, ma solo di notte. “E’ una cosa troppo imbecille”, dicevo tra me e me, “e anche se in quanto a imbecillità non siamo secondi a nessuno, siamo pur sempre la Patria di Roma e del diritto civile”. Insomma: pensavo che fosse un errore. Poi, pian piano, leggo che Salvini viene addirittura cacciato dal Senato per aver urlato ripetutamente “Vergogna!” ai parlamentari che hanno votato la legge. Leggo e, incredibilmente, è vero.

La legge sulla legittima difesa, diciamolo chiaramente, è un obbrobrio giuridico. E non bisogna aver fatto Giurisprudenza o essere un avvocato o un maestro del Diritto, per affermare una cosa del genere, ma solo aver letto qualche libro.

Un pasticcio, una aberrazione giuridica, una vera e propria trappola per chi si difende, un contentino dato al popolino che chiede incessantemente più sicurezza. La legge sulla legittima difesa è questo, e molto altro.

Una manovra politica da parte del PD, innanzitutto. Si è voluta mettere a tacere quella parte dell’opinione pubblica, specialmente quella non legata a sinistra, che chiedeva (e da ora in poi, presumiamo, continuerà a farlo con rinnovato vigore) maggiori garanzie per chi si difende sacrosantamente dai ladri, anche con qualche sacrosanta fucilata.

Cosa che, con la nuova legge, sostanzialmente non è avvenuta. Resta tutta da dimostrare a carico del padrone di casa (o di chi si difende da un’aggressione in auto o in ufficio) la legittimità della reazione, che sarà poi valutata dal giudice con grande discrezionalità. Niente di diverso da quello che è sempre accaduto: se non hai una pistola alla tempia, col rapinatore che sta premendo il grilletto, non puoi fare fuoco. E anche lì devi dimostrare che il rapinatore ti aveva puntato la pistola alla tempia e stava per fare fuoco. Insomma: non è cambiato sostanzialmente nulla. Sentiremo ancora parlare di situazioni simili a quel processo in cui il giudice, qualche tempo fa, condannò un padrone di casa reo di aver sparato un bandito al fianco. Se lo hai sparato al fianco, è stata la spiegazione del giudice, vuol dire che stava scappando oppure era girato, e quindi, per la tua incolumità, non costituiva un pericolo immediato. Detto in altre parole: deve esserci una proporzione evidente e dimostrabile (a carico di chi si difende) tra l’offesa e la reazione.

Ancora: viene introdotta una disparità di trattamento tra la notte e il giorno. Di giorno, teoricamente, dovrebbe valere la vecchia legge, quella in base alla quale il povero Cristo deve farsi rapinare, perché se osasse reagire dovrebbe risarcire il ladro (Ermes Mattielli, che poi è morto di crepacuore, è un esempio). Siamo alla legittima difesa per fasce orarie. Il livello, in Italia, è questo. Introdurre una discriminazione legislativa tra il giorno e la notte mediante un concetto, la “notte”, appunto, che non è tecnico. Come si fa a qualificare se è notte oppure giorno? E se siamo all’imbrunire? E se c’è appena stato il passaggio all’ora legale?

Molto meglio sarebbe stato introdurre un principio giuridico chiaro ed univoco: chi commette una violazione di domicilio va automaticamente “contra legem”. È pertanto piena discrezionalità del proprietario di casa decidere come meglio agire per tutelare i suoi familiari e le sue cose. Inclusa qualche sacrosanta fucilata.

Tutto troppo semplice, per i soloni del politicamente corretto e per i benpensanti di turno. Alla testa dei quali si pone, come al solito, Roberto Saviano, ormai idolo assoluto dei centri sociali e di teppaglia simile. Di uno che pontifica su come debba difendersi un povero cristo che si trova i ladri in casa, dall’alto del suo attico a New York e con la scorta che gli guarda le spalle, non vale la pena parlare. Saviano descrive alla perfezione il tipico radical chic di sinistra che, quando il deretano non è il suo, pontifica di civiltà e di senso dello Stato, e se non fai come dice lui, allora significa automaticamente che sta tornando il Fascismo (questa parola mistica della quale anche il Roberto nazionale si riempie la bocca e di cui sa, evidentmente, ben poco). Quello stesso senso dello Stato che i suoi amichetti dei centri sociali smarriscono ogni volta che manifestano, con vetrine distrutte, guerriglia urbana e cariche contro la Polizia assortite.

Che questa legge sia una porcata, del resto, se n’è accorto anche il PD (ed è tutto dire!) che medita già di modificarla al Senato.

In che mani siamo…

Continue Reading

Affare immigrazione: chi lo tocca rischia grosso

Nell’Italia della crisi economica, della recessione, delle imprese che – una su due – chiudono entro i primi cinque anni di vita a causa delle tasse e della eccessiva burocrazia, del malessere diffuso e della povertà generalizzata, solo una azienda, un carrozzone enorme, continua a macinare utili su utili. È il business dell’immigrazione. E chi lo tocca rischia grosso.

Su questo spazio lo abbiamo già ampiamente documentato: è palese una attività di collaborazione tra gli scafisti libici e le organizzazioni internazionali che i clandestini li vanno a prendere direttamente sulle coste africane, per poi traghettarli comodamente in Italia, dove diventeranno l’oro nero delle cooperative e organizzazioni che con l’invasione ci marciano, e ci mangiano.

La prima a lanciare l’allarme era stata Frontex, l’organizzazione dell’Unione Europea creata per meglio favorire l’invasione del suolo europeo da parte dei parassiti africani: vi è una pericolosa collusione tra scafisti e organizzazioni internazionali. I media, corrotti e collusi nell’inganno di massa del business immigratorio, hanno ovviamente taciuto.

Ora, se pur in ritardo, a far luce su ciò che era palese ed evidente – un ragazzo, di cui non ricordo il nome, qualche mese fa pubblicò un video esemplificativo e chiarissimo in cui si monitoravano i flussi delle navi provenienti da e per la Libia, dimostrando il commercio di carne umana lì in corso – arriva anche la Magistratura. Carmelo Zuccaro, il procuratore della Repubblica di Catania, ha rilasciato una esaustiva intervista a La Stampa di qualche giorno fa: Abbiamo evidenze che tra alcune Ong e i trafficanti di uomini che stanno in Libia ci sono contatti diretti non sappiamo ancora se e come utilizzare processualmente queste informazioni ma siamo abbastanza certi di ciò che diciamo; telefonate che partono dalla Libia verso alcune Ong, fari che illuminano la rotta verso le navi di queste organizzazioni, navi che all’improvviso staccano i trasponder sono fatti accertati”. E fa una affermazione importante: “Per le Ong sospette dobbiamo capire cosa fanno, per quelle buone occorre invece chiedersi se è giusto e normale che i governi europei lascino loro il compito di decidere come e dove intervenire nel Mediterraneo”. Ammesso e non concesso che in alcuni casi non vi sia una vera e propria tratta di esseri umani volta ad arricchire i professionisti dell’invasione, è giusto che delle organizzazioni internazionali private possano intervenire così pesantemente sulla politica dei flussi migratori (traghettando immigrati in quantità spropositata), ben al di là delle possibilità dello Stato italiano? Perché, spiega sempre Zuccaro, l’invasione che sta subendo l’Italia “sta creando problemi di ordine pubblico e crisi di carattere criminale che potrebbero influire sul tessuto sociale delle popolazioni. Catania a proposito dei reati di tratta, e di tratta minorile in particolare, ha più procedimenti di Roma, anzi ha il dato più alto in Italia; e poi ci sono i problemi del caporalato, quelli della gestione del denaro per l’accoglienza e l’ospitalità, che lasciano intravvedere fatti gravi”. L’immigrazione non è bella, non è divertente (almeno per chi la subisce, non certo per chi fa profitti a palate), e porta problemi. Molti problemi: più criminalità, più delinquenza, più insicurezza dei cittadini.

Come è ovvio, bastava gridare che il re è nudo perché si scatenassero indignate le ancelle del politicamente corretto. Prima fra tutte, come è facilmente immaginabile, miss 2% Laura Boldrini: “Andare a buttare ombra su chi salva delle vite umane, senza avere delle prove, è grave ed irresponsabile”. A parte che Zuccaro ha parlato ampiamente di un’indagine in corso, per la quale verranno fornite a breve delle prove (quindi queste ci sono, eccome se ci sono), il traffico di esseri umani e lo schiavismo, quello che sta riempiendo l’Italia di criminali stranieri e le cooperative rosse di soldi facili, lo è. Si metta l’anima in pace, questa paladina degli invasori.

Se si fosse mossa solo Laura Boldrini, o qualche zecca dei centri sociali, la cosa sarebbe squallida, ma non desterebbe comunque più di tanto clamore.

Invece anche la Magistratura ordinaria si è mossa per le parole di Zuccaro, il quale, evidentemente, ha sollevato un vero e proprio vespaio. Giovanni Legnini, vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, rende noto: “Sulle dichiarazioni del procuratore della Repubblica di Catania Carmelo Zuccaro, comunico che, dopo aver sentito i capi di Corte e il presidente della prima commissione consiliare, avvocato Giuseppe Fanfani, sottoporrò il caso all’esame del Comitato di presidenza alla prima seduta utile fissata per mercoledì 3 maggio. Fermo restando che, come é noto, spetta al ministro della Giustizia e al procuratore generale della Cassazione di valutare se sussistono o meno i presupposti per l’esercizio dell’azione disciplinare”. Traduzione: i magistrati sono una vera e propria casta di intoccabili quando si tratta di un togato che ha indagato un povero cristo che ha sparato ad un rom che si era introdotto in casa sua al fianco anziché frontalmente (quindi, è stata la tesi del magistrato, se lo hai preso di fianco vuol dire che non ti stava minacciando direttamente), ma scatta subito l’indagine interna del CSM se si osa toccare il business della tratta di esseri umani Libia-Italia.

È un business di enormi proporzioni (centinaia di milioni di euro al mese ) e chi lo tocca rischia grosso. Anche se è un magistrato.

Continue Reading

Del Grande: ecco per chi si mobilita questa Italia

“L’Italia si mobilita per Gabriele Del Grande”, “Facciamo un appello per la sua liberazione”, “Gabriele Del Grande e la libertà di tutti”, etc. In queste ore la cronaca, e il dibattito politico, sono tutti imperniati non sulla crisi economica, non sul problema immigratorio che si configura sempre più come una vera e propria invasione di massa, non sulle difficoltà di famiglie e imprese, non sul problema occupazionale. No. Tutti parlano di Gabriele Del Grande. E chi sarebbe, questo simpatico ragazzo per il quale Boldrini, Mattarella, Saviano e Vespa cercano di mobilitare le folle? Basta andare sul suo blog, Fortress Europe, e spulciare qualche minuto internet, per rendersene prontamente conto: ragazzotto di sinistra, fiero sostenitore dell’invasione africana che sta subendo l’Europa, Gabriele Del Grande è il modello perfetto dello studente Erasmus che oscilla tra l’Italia, la Grecia, la Gran Bretagna e il Medio Oriente, giocando a fare il giornalista d’assalto, l’indipendente, lo schierato anticonformista. A sinistra, ovviamente, ché a fare gli anticonformisti dall’altra parte non conviene minimamente, e se finisci nei guai in qualche gattabuia straniera col cavolo che Saviano e Mattarella e la Boldrini si mobilitano per te. Uno sguardo al suo blog lascia quantomeno interdetti. Ecco cosa scrive dei terroristi che combatte contro Assad, paragonati a moderni partigiani (e da questo punto di vista potrebbe pure avere ragione: terroristi gli uni, terroristi gli altri): “Gli uomini di religione [la] chiamano jihad. Ed è quello che sta spingendo centinaia di giovani da tutto il mondo a unirsi alla rivoluzione siriana. Ragazzi come Abu Zeid e Abu Moaz, che in Siria sono arrivati da molto lontano. Non tutti hanno una formazione islamista radicale. Tanti sono venuti semplicemente per seguire un grande ideale di solidarietà con la comunità musulmana sunnita siriana, a cui sentono di appartenere al di là delle frontiere. Né più né meno come i comunisti italiani che nel 1936 andarono in Spagna a combattere contro il fascismo”. Bravi ragazzi, sognatori e disinteressati, questi moderni “no pasaran” che combattono il crudele dittatore. Più avanti si legge: “Gronda sangue il sacco sulle spalle del vecchio appena uscito dalla sede della brigata islamista. Dentro ci sono i vestiti degli shabbiha catturati nei giorni scorsi. Si tratta dei criminali assoldati dal regime per perseguitare gli oppositori. A tagliare loro la gola è stato l’afgano, con una specie di spada. I corpi li hanno sepolti nella piazzola sotto il cavalcavia, dove hanno già sotterrato un’altra ventina di sgherri del regime giustiziati alla stessa maniera”. Che bravi ragazzi, questi partigiani siriani: tagliano le gole degli shabiha (i volontari di Assad, in Siria, vengono appellati così in senso dispregiativo), gli sgherri del regime, ma signora!, vedesse quanto sono belli e bravi, che visi paciocconi che hanno questi birbanti! Nell’articolo “Siria: i primi villaggi cristiani nelle mani degli insorti” Del Grande ci comunica che per gli shabiha catturati, i lealisti di Bashar Al Assad, “di solito è prevista la condanna a morte. Previa indagine del tribunale islamico da poco istituito nella vicina Darkush”. Sono moderni e civili, questi partigiani siriani: mica sgozzano il nemico così, alla membro di segugio, no!, hanno pure il Tribunale!, sono civilissimi. I terroristi siriani, che armati dall’Occidente corrotto e abbruttito cercano di rovesciare il governo di quello che è, a tutti gli effetti, un Presidente democraticamente eletto, sono descritti con toni romantici, cavallereschi. Nell’articolo “Speciale Siria. Internazionalisti o terroristi?” leggiamo: “Lasciati i fucili all’ingresso della clinica e trascinati dalla voce di petto di Abu Zeid, avevano intrattenuto medici e infermieri per una buona mezz’ora con tutto un repertorio di canzoni di guerra. Canzoni che incoraggiano i ragazzi a impugnare le armi, a dire addio ai propri familiari e a partire per la guerra. Una guerra combattuta nel nome di dio per porre fine all’ingiustizia e all’oppressione e per diffondere l’islam. Senza temere mai di morire. Perché chi muore da martire nella via del signore, vivrà in paradiso in eterno. È quello che gli uomini di religione chiamano jihad. Ed è quello che sta spingendo centinaia di giovani da tutto il mondo a unirsi alla rivoluzione siriana. Ragazzi come Abu Zeid e Abu Moaz, che in Siria sono arrivati da molto lontano.” No comment. Sulla triste bandiera nera, simbolo dei terroristi anti-Assad e che abbiamo visto anche mostrate in alcune manifestazione svoltesi in Italia: “Per anni quella bandiera nera è stata usata da una miriade di sigle del terrorismo islamico. Nella Siria di oggi però è diventata il simbolo dell’internazionalismo islamista.” Non certamente del terrorismo islamico, ci mancherebbe altro! Insomma: pieno sostegno, celato solo apparentemente da una sorta di neutralità mista a benevolenza, ai terroristi. Sul fronte immigrazione, altro grande cavallo di battaglia del blog di Del Grande, anche qui non ci discostiamo dalla solita cantilena immigrazionista e terzomondista che i media battono con la grancassa. Già la prima pagina del blog, non appena vi si accede, mostra una cronologia, dal 1988 ad oggi, dei clandestini morti in mare cercando di raggiungere le coste italiane: un grande randello morale mediante il quale il lettore dovrebbe cominciare, fin da subito, a sentirsi in colpa. Infatti gli immigrati che in massa invadono le coste italiane non sono quello che sono, cioè cittadini di nazioni sovrane straniere che cercano illegalmente di entrare in territorio altrui senza averne il permesso, bensì le “vittime di questi anni di repressione della libertà di movimento”. Le frontiere non esistono. I sacri diritti di una nazione di decidere chi accogliere e chi no all’interno del proprio territorio sono solo ostacoli burocratici all’invasione, pomposamente definita “accoglienza”. Dulcis in fundo: sapete da chi è stato finanziato il blog di questo freelancer anticonformista? Dalla Open Society Institute, già dal nome testa di ariete del meticciato globale e del multi razzismo d’accatto. E sapete di chi è la Open Society Institute? Di George Soros. Esatto, proprio lui. Il criminale di guerra responsabile della svalutazione della lira italiana (e della crisi economica che ne seguì), dei colpi di Stato in diversi paesi, e di altre simpatiche cosette che in nazioni ancora civili gli varrebbero l’arresto, se solo osasse metterci piede (come l’Ungheria di Orban). Ecco per chi Boldrini, Saviano, Mattarella e tutta l’intellighenzia di sinistra, che continua a monopolizzare gran parte dell’informazione di questo Paese, fa il tifo. Non per noi comuni mortali, vessati dalle tasse e da un fisico esoso e rapace, dal senso di insicurezza e di malessere creata da una immigrazione incontrollata che ingrassa solo ong e cooperative rosse, dalla insicurezza lavorativa ed economica di uno Stato che per i terremotati italiani spende un euro e mezzo ma che per gli invasori africani ne stanzia tre in più. No, noi comuni mortali, che abbiamo la colpa gravissima di essere italiani e bianchi, possiamo pure schiattare. Tutta l’attenzione deve essere sugli universitari che fanno le spie o al massimo sui giornalisti che giocano a fare gli alternativi di sinistra, difendendo clandestini e terroristi musulmani con i soldini di George Soros e che, a volte, finiscono dove non dovrebbero essere. Ognuno è libero di andare in giro a fare il paladino dei terroristi e a difendere l’immigrazione incontrollata che sta contribuendo a disintegrare la sua stessa Nazione. Non ci uniremo, però, al piagnisteo dominante e alle prese di posizione democratiche. La Turchia non è l’Italia, dove al massimo ti danno un buffetto sulla guancia e la si finisce a tarallucci e vino. Lì, almeno, sanno che cosa significhi violare confini che si ritengono sacri ed inviolabili. Ed Erdogan non è Gentiloni. Tanti auguri.

Continue Reading

Criminali di guerra sempre e comunque

In poche ore è successo ciò che nessuno si aspettava potesse mai accadere sul piano internazionale e, specialmente, sul fronte siriano. Partiamo dal principio, e cerchiamo di fare un po’ di ordine.

Qualche giorno fa i mass media internazionali battono la grancassa: il regime del despota Assad ha utilizzato armi chimiche nella provincia siriana di Idlib, provocando la morte di una sessantina di persone, la maggior parte delle quali donne e bambini. Il coro è unanime: Assad se ne deve andare, è un tiranno che va rovesciato, etc. Secondo la ricostruzione russa, invece, l’attacco aereo che ha causato vittime civili sarebbe stato lanciato si dal regime di Assad, ma contro un deposito dei ribelli, dove nessuno sapeva che fossero contenute armi chimiche che si sarebbero poi propagate nell’aria, causando morti e feriti. Del resto, questa seconda versione parrebbe più plausibile: la Siria già nel 2014, con la stessa supervisione degli Stati Uniti e della comunità internazionale, con la collaborazione delle Nazioni Unite aveva già smantellato il proprio arsenale nucleare. Il regime, pertanto, non poteva disporre di armi chimiche. Semmai il problema, a questo punto, sarebbe un altro: i terroristi siriani anti-Assad dove si sarebbero procurati le armi? Non dai depositi governativi che, come detto, sono stati smantellati già qualche anno fa.

La sensazione è quella di un deja vù. Già a Ghouta, nel 2013, il Presidente siriano era stato accusato di aver adoperato armi chimiche contro la popolazione civile. Anche in quel caso la risonanza mediatica internazionale fu enorme. L’uso del gas contro vittime inermi venne però smentito qualche mese dopo dal giornalista Seymour Hersh, Premio Pulitzer. Del resto che la notizia fosse solo una scusa per provocare un intervento armato degli Stati Uniti in Siria era già stato dimostrato dai fatti: persino Barack Obama, uno che non si faceva certo scrupoli a bombardare nazioni sovrane infischiandosene completamente del diritto internazionale e che ha sempre permesso l’ascesa e l’ingorssamento delle file dei miliziani dello Stato islamico in funzione anti Assad, in quel caso non aveva ordinato un intervento militare.

Qui la Storia sembra ripetersi ma, purtroppo, il finale è ben diverso. Non si sa ancora cosa abbia spinto Trump ad agire. Del resto egli stesso, solo due giorni fa, dichiarò che rovesciare Assad non era una priorità dell’amministrazione americana, facendo illudere i più ottimisti, noi compresi, che ci fosse un ulteriore margine di avvicinamento e di comunanza di intenti con la Russia.

Forse sarà stato la grancassa mediatica, amplificata da quell’Osservatorio sui Diritti Umani in Siria che altro non è che un unico individuo che emette comunicati ben comodo nella sua sede londinese; forse sarà stata una necessità di prestigio interno: non sarebbe la prima volta (Pearl Harbour docet) che un Presidente americano senta il bisogno di riscuotere consensi interni mediante una guerra internazionale; forse sarà stata l’opera di normalizzazione che l’apparato neocon stava conducendo, lentamente, ai fianchi del neo Presidente americano.

Sta di fatto che questa “aggressione contro uno Stato sovrano”, come l’ha definita Putin, segna un cambio nettissimo dell’amministrazione americana che, solo fino a qualche giorno fa, sembrava aver preso tutt’altra direzione. Come è stato possibile? Cosa c’entra la Turchia e Israele, che esultano come due scolaretti al loro ultimo giorno di scuola? Quest’ultimo, per bocca del suo Ministro dell’Interno, al giornale israeliano Yediot Ahoronot aveva dichiarato che lo Stato sionista aveva le prove che l’attacco chimico che aveva provocato una sessantina di morti civili fosse stato sferrato dall’aviazione di Assad e che fossero state utilizzate armi chimiche, bandite dalla comunità internazionale. La fonte, però, avrebbe dovuto insospettire chiunque. Anche qui si respirava aria di deja vù, e sembrava di rivedere una brutta copia di quel Colin Powell che tenne un discorso alla sede delle Nazioni Unite, sventolando una fiaschetta in cui asseriva fosse contenuto l’antrace che Saddam Hussein aveva utilizzato in Iraq. Ora sappiamo che era una gigantesca bufala con la quale gli Stati Uniti presero in giro il mondo intero, e nessuno di quella amministrazione è mai stato richiamato da un Tribunale Internazionale di guerra a rispondere dei crimini americani e dell’invasione dell’Iraq.

Donald Trump è stato normalizzato. Di più: ha virato decisamente verso le posizioni obamiane (per quanto nemmeno Obama aveva mai avuto il coraggio di condurre une guerra aperta contro la Siria di Assad, preferendo lavorarla ai fianchi con i ribelli jihadisti siriani e provocando danni dalle conseguenze che stiamo vedendo tutt’oggi in Medio Oriente). Di più: è diventato “clintoniano”. Il suo messaggio alle nazioni civili unite nella lotta contro il terrorismo ha quasi sapori messianici. Se qualcuno, come il sottoscritto, si era illuso che qualcosa, almeno qualcosa, potesse cambiare nella politica estera americana, da stanotte in poi è stato ampiamente smentito. Il Presidente che avrebbe potuto porre un freno all’imperialismo e all’arroganza americana in campo internazionale lascia lo spazio al solito Presidente guerrafondaio, degno compare dei Bush e degli Obama che si sono avvicendati negli ultimi anni nello Studio Ovale.

Oggi è una giornata triste per tutti gli uomini liberi. Però, forse, non è ancora arrivato il momento di gettare la spugna. Quando l’ultimo Stato sovrano sarà invaso, saccheggiato, distrutto e umiliato, forse, allora, avremo perso. Quel giorno, speriamo, non è ancora arrivato. Ora più che mai: forza Siria! Forza Assad!

Continue Reading