Banner sito jpeg

L'unico movimento del e per il popolo italiano!

Criminali di guerra sempre e comunque

In poche ore è successo ciò che nessuno si aspettava potesse mai accadere sul piano internazionale e, specialmente, sul fronte siriano. Partiamo dal principio, e cerchiamo di fare un po’ di ordine.

Qualche giorno fa i mass media internazionali battono la grancassa: il regime del despota Assad ha utilizzato armi chimiche nella provincia siriana di Idlib, provocando la morte di una sessantina di persone, la maggior parte delle quali donne e bambini. Il coro è unanime: Assad se ne deve andare, è un tiranno che va rovesciato, etc. Secondo la ricostruzione russa, invece, l’attacco aereo che ha causato vittime civili sarebbe stato lanciato si dal regime di Assad, ma contro un deposito dei ribelli, dove nessuno sapeva che fossero contenute armi chimiche che si sarebbero poi propagate nell’aria, causando morti e feriti. Del resto, questa seconda versione parrebbe più plausibile: la Siria già nel 2014, con la stessa supervisione degli Stati Uniti e della comunità internazionale, con la collaborazione delle Nazioni Unite aveva già smantellato il proprio arsenale nucleare. Il regime, pertanto, non poteva disporre di armi chimiche. Semmai il problema, a questo punto, sarebbe un altro: i terroristi siriani anti-Assad dove si sarebbero procurati le armi? Non dai depositi governativi che, come detto, sono stati smantellati già qualche anno fa.

La sensazione è quella di un deja vù. Già a Ghouta, nel 2013, il Presidente siriano era stato accusato di aver adoperato armi chimiche contro la popolazione civile. Anche in quel caso la risonanza mediatica internazionale fu enorme. L’uso del gas contro vittime inermi venne però smentito qualche mese dopo dal giornalista Seymour Hersh, Premio Pulitzer. Del resto che la notizia fosse solo una scusa per provocare un intervento armato degli Stati Uniti in Siria era già stato dimostrato dai fatti: persino Barack Obama, uno che non si faceva certo scrupoli a bombardare nazioni sovrane infischiandosene completamente del diritto internazionale e che ha sempre permesso l’ascesa e l’ingorssamento delle file dei miliziani dello Stato islamico in funzione anti Assad, in quel caso non aveva ordinato un intervento militare.

Qui la Storia sembra ripetersi ma, purtroppo, il finale è ben diverso. Non si sa ancora cosa abbia spinto Trump ad agire. Del resto egli stesso, solo due giorni fa, dichiarò che rovesciare Assad non era una priorità dell’amministrazione americana, facendo illudere i più ottimisti, noi compresi, che ci fosse un ulteriore margine di avvicinamento e di comunanza di intenti con la Russia.

Forse sarà stato la grancassa mediatica, amplificata da quell’Osservatorio sui Diritti Umani in Siria che altro non è che un unico individuo che emette comunicati ben comodo nella sua sede londinese; forse sarà stata una necessità di prestigio interno: non sarebbe la prima volta (Pearl Harbour docet) che un Presidente americano senta il bisogno di riscuotere consensi interni mediante una guerra internazionale; forse sarà stata l’opera di normalizzazione che l’apparato neocon stava conducendo, lentamente, ai fianchi del neo Presidente americano.

Sta di fatto che questa “aggressione contro uno Stato sovrano”, come l’ha definita Putin, segna un cambio nettissimo dell’amministrazione americana che, solo fino a qualche giorno fa, sembrava aver preso tutt’altra direzione. Come è stato possibile? Cosa c’entra la Turchia e Israele, che esultano come due scolaretti al loro ultimo giorno di scuola? Quest’ultimo, per bocca del suo Ministro dell’Interno, al giornale israeliano Yediot Ahoronot aveva dichiarato che lo Stato sionista aveva le prove che l’attacco chimico che aveva provocato una sessantina di morti civili fosse stato sferrato dall’aviazione di Assad e che fossero state utilizzate armi chimiche, bandite dalla comunità internazionale. La fonte, però, avrebbe dovuto insospettire chiunque. Anche qui si respirava aria di deja vù, e sembrava di rivedere una brutta copia di quel Colin Powell che tenne un discorso alla sede delle Nazioni Unite, sventolando una fiaschetta in cui asseriva fosse contenuto l’antrace che Saddam Hussein aveva utilizzato in Iraq. Ora sappiamo che era una gigantesca bufala con la quale gli Stati Uniti presero in giro il mondo intero, e nessuno di quella amministrazione è mai stato richiamato da un Tribunale Internazionale di guerra a rispondere dei crimini americani e dell’invasione dell’Iraq.

Donald Trump è stato normalizzato. Di più: ha virato decisamente verso le posizioni obamiane (per quanto nemmeno Obama aveva mai avuto il coraggio di condurre une guerra aperta contro la Siria di Assad, preferendo lavorarla ai fianchi con i ribelli jihadisti siriani e provocando danni dalle conseguenze che stiamo vedendo tutt’oggi in Medio Oriente). Di più: è diventato “clintoniano”. Il suo messaggio alle nazioni civili unite nella lotta contro il terrorismo ha quasi sapori messianici. Se qualcuno, come il sottoscritto, si era illuso che qualcosa, almeno qualcosa, potesse cambiare nella politica estera americana, da stanotte in poi è stato ampiamente smentito. Il Presidente che avrebbe potuto porre un freno all’imperialismo e all’arroganza americana in campo internazionale lascia lo spazio al solito Presidente guerrafondaio, degno compare dei Bush e degli Obama che si sono avvicendati negli ultimi anni nello Studio Ovale.

Oggi è una giornata triste per tutti gli uomini liberi. Però, forse, non è ancora arrivato il momento di gettare la spugna. Quando l’ultimo Stato sovrano sarà invaso, saccheggiato, distrutto e umiliato, forse, allora, avremo perso. Quel giorno, speriamo, non è ancora arrivato. Ora più che mai: forza Siria! Forza Assad!

Continue Reading

Continua la pulizia etnica contro il popolo italiano

Da ora in poi gli immigrati che arriveranno in Italia, se minorenni, non potranno più essere respinti e godranno degli stessi diritti (sociali, sanitari) di cui godono i minorenni italiani, mediante un permesso di soggiorno per motivi familiari o per minore età. Dopo oltre tre anni di stallo, il provvedimento viene definitivamente approvato alla Camera con il si della maggioranza e il fondamentale apporto dei Cinque Stelle.

Diverse, e varie, le novità della legge. Vengono introdotte nuove norme che scavalcano gli impedimenti burocratici che fino ad ora avevano impedito ai minorenni clandestini di esercitare in pieno il diritto alla Sanità e all’Istruzione. Anche se non in possesso del permesso di soggiorno, i minorenni stranieri potranno regolarmente conseguire il diploma di maturità; i ragazzi senza famiglia potranno poi godere del permesso di soggiorno per motivi familiari (come, ad esempio, il ricongiungimento familiare) o accedere allo SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati). Ancora: la competenza per il rimpatrio passerà al Tribunale per i Minorenni, che potrà avviare un procedimento di espulsione solo se non c’è alcun pericolo per la sicurezza del minore. E chi decise se c’è un grave pericolo per la sicurezza del minore? Il giudice, naturalmente, e gli assistenti volontari che saranno iscritti in un apposito registro del Tribunale.

Viene sancito anche il diritto all’assistenza legale, ovvero il gratuito patrocinio a spese dello Stato. Tradotto: quei pochissimi per il quale sarà deciso un provvedimento di espulsione potranno fare ricorso, e l’avvocato glielo pagheremo noi.

Per Gentiloni “è stata vinta una battaglia di civiltà”. Le associazioni dello scafismo internazionale esultano.

Più illuminanti le parole di Raffala Milano di “Save the children”, organizzazione che partecipa attivamente al traghettamento degli invasori dalle coste libiche ai porti italiani: “L’Italia può dirsi orgogliosa di essere il primo Paese a dotarsi di un sistema organico che considera i bambini prima di tutto bambini, a prescindere dallo status di migranti e rifugiati”. Parole che, a ben leggere, sono particolarmente significative: entrate tutti, non ci interessa alcunché della vostra situazione sociale, perché tanto c’è posto.

Con l’ennesimo governo non eletto, che si conferma testa di ponte per l’esecuzione dei diktat imposti dall’Unione Europea, prosegue a tappe forzate la pulizia etnica dolce volta a sostituire e a cancellare il popolo italiano. Che, da questo momento in poi, sarà costretto a mantenere non solo i parassiti e i fancazzisti africani che sbarcano sulle nostre coste, ma anche la loro progenie. Tutto a spese dei contribuenti italiani, che molto spesso sono coppie che i figli non possono farli a causa delle ristrettezze economiche nelle quali si trovano, e della totale assenza dello Stato italiano. Uno Stato che, anziché sostenere le famiglie italiane in un percorso organico di natalità (assegni sociali, asili nido gratuiti, aiuto economico per il sostentamento del bambino), favorisce ed incentiva l’assalto alla diligenza da parte di un esercito di finti minori che faranno di tutto per entrare in quello che, almeno per loro, si configura sempre più come il paese del Bengodi.

In altri tempi, e per molto meno, tutti questi traditori sarebbero stati messi spalle al muro per una sacrosanta fucilazione.

Continue Reading

La Giornalista Antonella Ricciardi intervista l’Avv.Paolo Vecchioli, sulla drammatica vicenda giudiziaria che ha visto coinvolta la nostra Camerata Katia De Ritis.

 Nel seguente dialogo, si esprime Paolo Vecchioli, avvocato penalista de L’Aquila, noto per le posizioni anticonformiste (è esponente del Fronte Nazionale di Adriano Tilgher, formazione che propone una terza via che vada oltre marxismo e capitalismo, nota da anni alle cronache) e garantistiche, anche tramite l’interazione con il periodico “Giustizia Giusta”, che sostiene, in questo senso, una maggiore civiltà giuridica. Nell’intervista, si approfondisce il caso della sua assistita Katia De Ritis, inquisita nell’inchiesta “Aquila Nera”, su presunta sovversione di stampo neofascista. La De Ritis, lancianese, era vice-segretaria del del Movimento Fascismo e Libertà – Partito Socialista Nazionale per il Sud Italia, oltre che segretaria regionale per l’Abruzzo. Nella primavera del 2014, Katia De Ritis era stata eletta consigliera comunale nel comune di Poggiofiorito, nelle fila dell’opposizione, e nel dicembre dello stesso anno era stata arrestata nell’ambito dell’inchiesta condotta dai Ros, rimanendo in stato di detenzione preventiva per molti mesi, nonostante fosse afflitta da un tumore. Scarcerata dopo mesi, quindi, in seguito a ripetute azioni dell’avvocato Vecchioli, l’esito della vicenda era stato, comunque, drammatico, dato il decesso, a causa di patologia tumorale, della stessa Katia De Ritis, avvenuto nel settembre del 2016. Paolo Vecchioli sottolinea quindi, a chiare lettere, i motivi per cui, a suo avviso, la prigionia di Katia De Ritis sia stata iniqua, di per sé ed a maggior ragione a causa della triste condizione di fragilità della donna, già provata dalla grave malattia: Katia De Ritis, infatti, era stata sì liberata, ma dopo non pochi mesi, appunto, di detenzione in attesa di giudizio.

Ricciardi: “Può ricordare, in una sintesi chiarificatrice, quali erano le ipotesi di reato che cui era stata inquisita la sua assistita, Katia De Ritis, ed i motivi per cui ritiene che tali accuse fossero ingiustificate?”

Vecchioli: “Katia de Ritis è stata inquisita insieme a 20 altri soggetti  per i reati p. e p. dall’art. 270 bis cp per aver promosso, costituito ed organizzato l’associazione “Avanguardia Ordinovista…” ( sic.)  – Associazione inventata da alcuni sedicenti camerati, già patteggianti e pentiti ancor prima del ”giudizio immediato”, ignoranti non solo della storia recente e delle vicissitudini dell’ambiente che hanno provato per dabbenaggine e goffa presunzione a sbeffeggiare, neanche avendo contezza di quanto fosse distante Avanguardia da Ordine Nuovo poi Nero. Il tutto si basa su intercettazioni ambientali ridicole di cene e pettegolezzi vari, come di demenziali disquisizioni sedicenti rivoluzionarie ma rimaste sempre mere masturbazioni che non definisco mentali considerando i soggetti cui vengono attribuite. Sepolte tra le intercettazioni sono state reperite alcune affermazioni degli allegri buontemponi coimputati di Katia che ad un certo punto pare preparino la rivoluzione violente e fascista pensando di rubare a casa di un cacciatore le sue doppiette con le quale fare il colpo di stato (Sic.) –Qualsiasi normale fruitore delle ambientali ed intercettazioni in questione al limite si sarebbe preoccupato di chiamare gli assistenti sociali e l’Asl, ma non le griffate e rampanti nostrane toghette rosse affamate di statistica e anelanti al delirio di onnipotenza sui media di regime ed asserviti che leggono solo le loro veline (delle toghe rosse intendo), cui non è parso vero di massacrare chi già sciancato dalla storia e dalla politica ed indifeso, non come Sofri, Bompressi e Pietrostefani + Marino, cui hanno addirittura regalato cinque o sei gradi di giudizio e figli intelligentissimi e scrittori/opinionisti a prescindere da gavetta, e mogli/fidanzate idem anche per profili estetici, il tutto, ripeto per divinazione sic et simpliciter,  ed a prescindere. Consegue anche il risvolto economico nel caso di specie che non è ultimo, visto che qualcuno aveva anche pensato di far fare a Sofri il mentore per le questioni carcerarie et similia non escluse quelle di terrorismo e Curcio docet. – Dicevo non c’è chi non vede come i pericolosi rivoluzionari sedicenti fascisti e mai smentiti neanche sotto il profilo letterario dalle toghe e per i motivi ut supra, se parlano male di Equitalia, del sistema delle ruberie e della condizione di degrado delle istituzioni (a proposito chi di noi non lo ha fatto almeno una volta al giorno?) e pensano, si badi bene, di rubare le doppiette del cacciatore per fare un anzi il colpo di stato, debbono essere arrestati e non ricoverati alla neuro, anche perché, se ritenuti malati invece che terroristi fascisti, va a puttane il fatto mediatico, la carriera delle toghette rosse rampanti, la statistica idem, sempre buona per i trasferimenti ad majora. Accuse ridicole per personaggi da operetta trasformatasi per merito delle toghette ut supra in tragedia, senza sequestro di alcuna arma, esplosivo, coltello, giravite, crick ecc. ecc, ma di PC con discorsi del Duce, mai tese, eja eja alalà e bozze di costituzioni repubblicana e fascista redatte dal novantatrenne prof. Rutilio Sermonti, anch’egli morto nelle more, che, almeno a mia conoscenza, ne avrà redatte tre o quattro versioni nel suo lungo periodo di esperienza politica e di scrittore. Quindi nessun presupposto di terrorismo in fieri ma baggianate che basta leggere dai monumentali atti del processo che è costato al solito Pantalone parecchi milioni e fino ad ora e che ancora non comincia nonostante due anni dagli arresti e la richiesta di giudizio immediato.”

Ricciardi: “La signora De Ritis, lancianese, consigliera comunale, recentemente deceduta a causa di una patologia tumorale che da tempo ne minava la salute, era stata sottoposta a parecchi mesi di custodia cautelare in carcere: in che modo i magistrati del caso avevano motivato un provvedimento così drastico verso una presunta innocente, per definizione, dato che non si era in presenza di alcuna condanna, tantomeno definitiva? In che modo considera che la scelta di tali provvedimenti fossero da confutare?”

Vecchioli: “Katia, come noto agli inquirenti e documentato in atti dal mio valoroso collega codifensore avv. Giacinto Ceroli, era notoriamente paziente oncologica ed aveva appena terminato un ciclo di chemioterapia ed avrebbe dovuto ripetere come da calendario, e noto in ragione dei protocolli appunto chemioterapici ma, arrestata a metà dicembre 2014  e quasi subito deportata a Lecce, è stata privata di ogni assistenza e non ha mai potuto continuare il suo regime di chemioterapia con aggravio della sua condizione, numerosi malesseri, ricoveri anche al Pronto Soccorso del locale ospedale e fino al momento delle mie due denunce alla Procura de L’Aquila a carico di qualsiasi responsabile dei fatti che ci occupano (illegittima detenzione di paziente oncologico… Violazione del diritto alla salute… Abuso d’ufficio ???)  e contro il Carcere di Lecce che non si attivava nel senso che precede e per rimuovere quanto oggetto di denuncia. Naturalmente c’è stata archiviazione perché nel regime/sistema le toghe, soprattutto se rosse ed anche toghette, sono ”irresponsabili”…  et non absit injuria verbis. Però dopo le mie due denunce Katia è stata rimessa in libertà e le è stato consentito di curarsi ma, aimè, troppo tardi e sul punto stiamo preparando un secondo round di denunce.”

Ricciardi: “Ci sono ulteriori considerazioni, sul caso di Katia De Ritis, che non sono state adeguatamente rimarcate sul versante della stampa, ed, in generale, sul piano dell’informazione, che può sottolineare in questa occasione?”

Ricciardi

Antonella Ricciardi giornalista pubblicista
Vecchioli: “La stampa di regime ha sempre e soltanto riportato la voce delle procure e delle toghette rosse permanendo nel politically correct dell’andazzo noto, e solo perché io ho messo la faccia e firmato le due denunce, al fine di vendere i fogliacci, ha riportato prudentemente però quanto da me fatto, senza mai intercalare e/o fare alcun commento politico come invece sempre per Sofri & C., potendosi dedicare a massacrare impunemente e come suggerito dai sodali pm gli sciancati della operazione  cosiddetta ”Aquila Nera” – Ma quando avremo il processo? Chi verrà processato  e perché? Quali sono stati i presupposti che hanno determinato tanto sperpero di pubblico denaro ed inchiesta così rimbalzante sui media da geograficamente riguardare l’intera penisola ed anche l’ex Jugoslavia? Come mai per indagati sparsi per tutt’Italia è stato nominato un solo difensore d’ufficio in L’Aquila che, naturalmente non poteva trovarsi a Milano, Brescia, Padova ecc. ecc. in contemporanea per garantire le perquisizioni ed evitare gli abusi e le sveltine da caserma come in un contesto civile? Ma i solerti giornalisti di regime e che sbavano di democrazia, libertà, giustizia ecc. ecc. quando si toccano i sodali nulla hanno rilevato sul punto dall’altezza della loro consapevole conoscenza di quanto accadeva? La mia risposta è che sparare su chi già sciancato della politica e della storia è facile e comodo, altro che Sofri & C.”

Introduzione e quesiti di Antonella Ricciardi; marzo 2017

2017-03-20-1

Continue Reading

Il nemico peggiore vive in mezzo a noi

Donald John Trump Jr., il figlio del Presidente degli Stati Uniti, ha in queste ore ripreso una frase che, durante una intervista, pronunciò Sadiq Khan, attuale sindaco di Londra: “E’ necessario mettere in conto gli attacchi terroristici, soprattutto nelle grandi metropoli”. Ora che anche Londra è per l’ennesima volta sotto attacco terroristico queste parole suonano ancora più agghiaccianti del momento in cui furono pronunciate. Quasi come se l’Europa e l’Occidente ormai siano costretti a convivere quotidianamente con il terrorismo, come se quest’ultimo fosse una cosa assolutamente normale, alla stregua di un terremoto, di un evento atmosferico improvviso, di una calamità che nessuno avrebbe potuto prevedere. Non ci vogliamo rassegnare a vivere così. Non ci vogliamo rassegnare a questo modello di pensiero. Saltare in aria sulla metropolitana o essere falciati da un kalashnikov impugnato da un terrorista islamico non è la stessa cosa di una pioggia torrenziale. L’Europa, in tutto questo, ha responsabilità precise, chiarissime, evidenti e lampanti. Perché il nemico, prima di tutto, lo abbiamo in casa. E non esiste nemico più pericoloso di quello che non sappiamo di avere. Il nostro primario nemico è, innanzitutto, chi continua a favorire – per loschi interessi economici (quello che ormai chiamiamo, senza mezzi termini, il business dell’accoglienza che, come disse Buzzi in una intercettazione telefonica, “conviene più della droga”) – l’invasione del continente europeo da parte di genti straniere, spesso provenienti da nazioni i cui valori e i cui stili di vita sono enormemente diversi da noi, se non opposti (si pensi alla concezione della donna o al trattamento riservato agli animali), che ormai considerano l’Europa alla stregua di una terra vergine da conquistare e da depredare a piacimento. Anche Erdogan, il Primo Ministro turco, su questo punto è stato chiarissimo, come ben prima di lui lo era stato, più di cinquant’anni fa, Benito Mussolini: i popoli fecondi sono destinati a dominare, perché in grado di vincere una sorta di guerra di numeri sulle grandi distanze. Viceversa i popoli sterili sono destinati a soccombere.

Il nostro primario nemico è quella schiera costituita dai fanatici dell’accoglienza, che con pietose e ridicole argomentazioni hanno completamente aperto le porte all’invasore, e continuano a “maneggiare” per farne arrivare ancora di più, cercando, con il vergognoso assenso di tutti i mass media e di tutti i partiti politici (salvo pochissimi, tra i quali noi) di far passare tutti coloro che vorrebbero mettere un freno all’immigrazione incontrollata come dei biechi razzisti, subumani, usciti da una caverna, con l’osso in testa e la clava in mano.

Il nemico sono coloro che hanno programmato, decenni fa, l’invasione e la distruzione etnica del nostro continente, al fine di farci diventare tutti un popolo di miserabili e di bastardi, molto più facilmente controllabili. Perché un popolo di rincoglioniti, dediti esclusivamente a guardare programmi televisivi da imbecilli, ad ascoltare solo musica da imbecilli, e in cui il libro più venduto del 2016 è “Cinquanta sfumature di grigio”, è certamente molto più manipolabile di un popolo di patrioti, che amano la propria Nazione e la propria gente, e sono disposti a combattere per difenderla.

Il nemico sono coloro che hanno apertamente sostenuto la resistenza anti-Assad, facendoci credere che quelli che tagliavano le teste dei nemici e violentavano le bimbe di dieci anni fossero i famosissimi “ribelli moderati”, ampiamente finanziati da un Occidente complice e vigliacco.

Il nemico sono coloro che hanno finanziato primavere arabe, colorate, arancioni e chissà cos’altro, per destabilizzare nazioni straniere pienamente sovrane.

Il nemico sono coloro che vorrebbero far passare il terrorismo islamico come si fa passare un monsone, una pioggia torrenziale, un terremoto, un periodo di siccità: un qualcosa di quasi normale, con il quale convivere, ancor più se si vive o si lavora in una grande città.

Sarebbe ora di prendere consapevolezza di questo, e cacciare via al più presto Presidenti del Consiglio che si improvvisano scafisti e maître à penser alla Saviano che dal loro attico di New York si augurano premier europei africani. Con qualche calcio nel culo ben assestato, possibilmente.

Continue Reading

Sul Vault 7, o il Grande Fratello americano

Si chiama “Vault 7”, ed è a dir poco scandaloso che nessun giornale o TV, almeno tra quelli “importanti”, ne abbia dato notizia. È con questo termine, infatti, che si indicano gli 8670 documenti riservati del Governo degli Stati Uniti d’America che sono stati resi pubblici da Wikileaks, l’organizzazione internazionale di Julian Assange che ha creato ben più di qualche grattacapo ai governi occidentali, USA in testa. Certamente, la tempistica non è stata particolarmente azzeccata, dato che questa documentazione è stata resa pubblica l’8 marzo, data, cioè, in cui media conniventi si sperticavano in articoli demenziali sulla cosiddetta “giornata della donna” e le relative manifestazioni di femministe bavose e urlanti per le strade europee. Ma, almeno il giorno dopo, qualche articoletto avrebbero potuto dedicarglielo. Tant’è… Che cosa emerge dall’analisi di questi documenti? Ciò che molti andavano affermando già da tempo (venendo bollati come “complottisti” dai media “mainstream”) e che ora appare come una realtà incontrovertibile: la CIA avrebbe un sofisticatissimo programma, denominato “Umbrage”, che permetterebbe, grazie a tutta una serie di codici informatici sofisticati e sviluppati appositamente, di spiare non solo qualunque telefonata dei cittadini statunitensi, bensì anche qualunque programma con installato un qualunque sistema operativo Microsoft (vale a dire la stragrande maggioranza dei pc del mondo); non solo: anche i social network, Facebook incluso, Whatsapp, Skype, e i più diffusi programmi di messaggistica istantanea, sarebbero completamente “aperti”, cioè visionabili a piacere dai servizi segreti statunitensi. Ancora: perfino le apparecchiature elettrodomestiche, come tablet, smartphone, televisori di ultima generazione, sarebbero attivabili a distanza, potendo quindi attivare le funzioni del microfono (a quanto pare attivabile anche nelle TV) e della telecamera. C’è di più: il sistema elettronico/informatico sarebbe talmente sofisticato che non solo riuscirebbe a penetrare in tutti i sistemi elettronici e in tutti i programmi informatici utilizzati dalla stragrande maggioranza della popolazione mondiale, bensì riuscirebbe perfino a lasciare delle finte tracce informatiche, una sorta di “false flag” informatico, insomma. Che cos’è un “false flag”? Con questo termine si intende una o più operazioni (finanche terroristiche) attuate da una entità (militare, governativa, terroristica) per far ricadere la colpa su un’altra entità. Ora, con Umbrage e tutta la strumentazione da pirati informatici a disposizione della CIA, sarebbe possibile, per esempio, violare un importante database di informazioni e poi lasciare delle finte tracce che riconducano, magari, ad una Nazione straniera. Non basta ancora. La CIA, a quanto emergerebbe dai documenti del Vault 7, avrebbe addirittura perso il controllo di buona parte degli strumenti informatici (programmi, software di elaborazione dati) raggruppati con il nome di Umbrage. Tutta questa strumentazione, ora, potrebbe cadere in mano ai terroristi, se non è già accaduto. Ricordate quando, poco prima di lasciare lo studio della Casa Bianca, il Presidente degli Stati Uniti uscente, Barack Obama, accusò pubblicamente la Russia di aver piratato i siti informatici di diversi enti governativi americani per favorire la vittoria alle elezioni americane di Donald Trump? “Abbiamo le prove!”, disse Obama. Su questo fatto i mass media ufficiali hanno imbastito servizi televisivi per mesi, in cui Vladimir Putin appariva come un perfido e pericoloso Deus ex Machina completamente votato a favorire il candidato americano repubblicano e quindi a stabilire una sorta di testa di ponte russa negli USA. Ora appare quantomeno dubbio il fatto che nessuno, nemmeno ad un livello puramente ipotetico, abbia provato a collegare tra loro questi due avvenimenti. Non so voi, ma verrebbe da pensare che il fatto che la CIA abbia la possibilità di spiare gran parte dei cittadini del mondo, violando i loro profili, intrufolandosi nei loro cellulari, nelle loro TV, nelle loro conversazioni, nei loro conti correnti, e che possa fare tutto questo senza alcun controllo, senza dover rendere conto a nessuno, né ai cittadini né a qualche organo di controllo nazionale od internazionale, dovrebbe essere, quantomeno, un motivo di preoccupazione. Invece, quando ci si è posta la questione, alla bell’è meglio si è risposto “La CIA e gli USA fanno tutto questo per difenderci dal terrorismo”. E che cosa è il terrorismo? Ciò che viene deciso dalla CIA e dagli USA, ovviamente. La parabola orwelliana non potrebbe essere descritta meglio. Noi, però, non siamo i lettori del riuscito romanzo, bensì i protagonisti.

Continue Reading