L'unico movimento del e per il popolo italiano!

Gli stranieri stuprano otto volte più degli italiani, e la Sinistra dimostra quanto schifo possa fare

Sono malati di mente, sono ignoranti, sono in malafede. Oppure, ed è, purtroppo, l’ipotesi più probabile, sono un miscuglio di queste tre cose. Di chi parliamo? Dei sinistri, degli antirazzisti, dei centri/cessi sociali, degli attivisti per i diritti umani, e tutto il canagliume che ci gira intorno.

In questi giorni, infatti, hanno il cervello letteralmente in pappa. Non sanno proprio come fare: le statistiche di Repubblica – quindi non suscettibili di essere criticate perché provenienti da un giornale amico loro, sempre in prima fila per lo ius soli e per sostenere l’invasione costante – ci dicono una realtà crudissima: che su 10 reati di violenza sessuale, 4 sono commessi da stranieri, spesso irregolari, sul territorio.

Che cosa rispondono, questi esempi di moralità? Che la società multirazziale è fantastica, perché non c’è un’emergenza immigrazione: “la maggioranza dei reati è commessa da italiani”. Francamente, rispondere a queste scempiaggini sarebbe quasi imbarazzante, ma è comunque doveroso, se non fosse per il fatto che esse vengono strombazzate a volume massimo da tutte le carcasse di regime, dai commentatori alla Saviano e alla Lerner, passando per Boldrini e Bergoglio, per finire con i media mainstream, i portatori del pensiero unico globalista e meticcio.

Non bisogna essere degli scienziati o avere chissà quale laurea per ammettere quello che i numeri mostrano chiaramente: il costo che l’Italia paga per l’immigrazione selvaggia e incontrollata, in termini di coesione sociale e sicurezza, è altissimo.

Su 10 violenze sessuali, 4 sono commesse da stranieri, spesso irregolari, richiedenti asilo, sbandati (come Guerlin Butungu, il capo delle belve di Rimini, che hanno stuprato due donne e hanno picchiato a morte il marito di una delle due). Peccato che gli stranieri nel Nostro Paese siano l’8% della popolazione. Statisticamente ciò significa che ogni 5.300 stranieri uno di loro commette uno stupro; per quanto riguarda gli italiani, invece, uno su 42.000. Ciò significa, né più né meno, che gli stranieri sono portati a commettere stupri e violenze otto volte di più di noi italiani. 

Certamente, la violenza sessuale, da chiunque venga commessa (italiano o straniero che sia) è un reato odioso e come tale deve essere severissimamente punito, a prescindere dalla appartenenza etnica della vita.

Qui, però, parliamo di genti straniere che vengono mantenute e rifocillate nel Nostro Paese pur non avendone alcun diritto (né giuridico né tantomeno morale), e che sono portate otto volte di più a commettere atti di violenza sessuale.

Vedere come la sinistra si agiti cercando di minimizzare questa realtà, di nasconderla, addirittura di capovolgerla (“Gli italiani stuprano più degli stranieri”) è vergognoso; prendere atto della copertura mediatica di cui gode questa clamorosa balla, grazie al fatto che gran parte dell’informazione mainstream sia in mano loro, non può far venire, tra coloro che sono, almeno in minima parte, intellettualmente onesti, un moto di rabbia e di indignazione.

Moralmente abbietta, intellettualmente disonesta, ciecamente anti-italiana, bugiarda e mistificatrice: questa è la sinistra italiana. Una parte politica che si configura, sempre più, come desiderosa a qualunque costo di annientare e disintegrare la Nostra Nazione e la Nostra civiltà. O quel che ne resta.

Amministratore

View more posts from this author