L'unico movimento del e per il popolo italiano!

Mese: marzo 2017

Sul Vault 7, o il Grande Fratello americano

Si chiama “Vault 7”, ed è a dir poco scandaloso che nessun giornale o TV, almeno tra quelli “importanti”, ne abbia dato notizia. È con questo termine, infatti, che si indicano gli 8670 documenti riservati del Governo degli Stati Uniti d’America che sono stati resi pubblici da Wikileaks, l’organizzazione internazionale di Julian Assange che ha creato ben più di qualche grattacapo ai governi occidentali, USA in testa. Certamente, la tempistica non è stata particolarmente azzeccata, dato che questa documentazione è stata resa pubblica l’8 marzo, data, cioè, in cui media conniventi si sperticavano in articoli demenziali sulla cosiddetta “giornata della donna” e le relative manifestazioni di femministe bavose e urlanti per le strade europee. Ma, almeno il giorno dopo, qualche articoletto avrebbero potuto dedicarglielo. Tant’è… Che cosa emerge dall’analisi di questi documenti? Ciò che molti andavano affermando già da tempo (venendo bollati come “complottisti” dai media “mainstream”) e che ora appare come una realtà incontrovertibile: la CIA avrebbe un sofisticatissimo programma, denominato “Umbrage”, che permetterebbe, grazie a tutta una serie di codici informatici sofisticati e sviluppati appositamente, di spiare non solo qualunque telefonata dei cittadini statunitensi, bensì anche qualunque programma con installato un qualunque sistema operativo Microsoft (vale a dire la stragrande maggioranza dei pc del mondo); non solo: anche i social network, Facebook incluso, Whatsapp, Skype, e i più diffusi programmi di messaggistica istantanea, sarebbero completamente “aperti”, cioè visionabili a piacere dai servizi segreti statunitensi. Ancora: perfino le apparecchiature elettrodomestiche, come tablet, smartphone, televisori di ultima generazione, sarebbero attivabili a distanza, potendo quindi attivare le funzioni del microfono (a quanto pare attivabile anche nelle TV) e della telecamera. C’è di più: il sistema elettronico/informatico sarebbe talmente sofisticato che non solo riuscirebbe a penetrare in tutti i sistemi elettronici e in tutti i programmi informatici utilizzati dalla stragrande maggioranza della popolazione mondiale, bensì riuscirebbe perfino a lasciare delle finte tracce informatiche, una sorta di “false flag” informatico, insomma. Che cos’è un “false flag”? Con questo termine si intende una o più operazioni (finanche terroristiche) attuate da una entità (militare, governativa, terroristica) per far ricadere la colpa su un’altra entità. Ora, con Umbrage e tutta la strumentazione da pirati informatici a disposizione della CIA, sarebbe possibile, per esempio, violare un importante database di informazioni e poi lasciare delle finte tracce che riconducano, magari, ad una Nazione straniera. Non basta ancora. La CIA, a quanto emergerebbe dai documenti del Vault 7, avrebbe addirittura perso il controllo di buona parte degli strumenti informatici (programmi, software di elaborazione dati) raggruppati con il nome di Umbrage. Tutta questa strumentazione, ora, potrebbe cadere in mano ai terroristi, se non è già accaduto. Ricordate quando, poco prima di lasciare lo studio della Casa Bianca, il Presidente degli Stati Uniti uscente, Barack Obama, accusò pubblicamente la Russia di aver piratato i siti informatici di diversi enti governativi americani per favorire la vittoria alle elezioni americane di Donald Trump? “Abbiamo le prove!”, disse Obama. Su questo fatto i mass media ufficiali hanno imbastito servizi televisivi per mesi, in cui Vladimir Putin appariva come un perfido e pericoloso Deus ex Machina completamente votato a favorire il candidato americano repubblicano e quindi a stabilire una sorta di testa di ponte russa negli USA. Ora appare quantomeno dubbio il fatto che nessuno, nemmeno ad un livello puramente ipotetico, abbia provato a collegare tra loro questi due avvenimenti. Non so voi, ma verrebbe da pensare che il fatto che la CIA abbia la possibilità di spiare gran parte dei cittadini del mondo, violando i loro profili, intrufolandosi nei loro cellulari, nelle loro TV, nelle loro conversazioni, nei loro conti correnti, e che possa fare tutto questo senza alcun controllo, senza dover rendere conto a nessuno, né ai cittadini né a qualche organo di controllo nazionale od internazionale, dovrebbe essere, quantomeno, un motivo di preoccupazione. Invece, quando ci si è posta la questione, alla bell’è meglio si è risposto “La CIA e gli USA fanno tutto questo per difenderci dal terrorismo”. E che cosa è il terrorismo? Ciò che viene deciso dalla CIA e dagli USA, ovviamente. La parabola orwelliana non potrebbe essere descritta meglio. Noi, però, non siamo i lettori del riuscito romanzo, bensì i protagonisti.

Continue Reading

Immigrazione e natalità: emergenza italiana

L’ultima fotografia sulla natalità italiana dell’ISTAT è chiarissima ed avvilente allo stesso tempo: le culle dei nuovi nati italiani non sono mai state così vuote come nel 2016, confermando la bruttissima tendenza che si era già registrata nel 2016.

Gli italiani non fanno più figli. Questa evidenza assume ancora più gravità se guardiamo due dati di fatto che contraddistinguono la Nostra Nazione: una immigrazione selvaggia e incontrollata, composta da appartenenti a popolazioni che statisticamente hanno un indice di natalità molto più alto del nostro (non che ci voglia poi molto, ma tant’è…); il progressivo invecchiamento della popolazione.

Non c’è nemmeno bisogno di scomodare il Kalergi e il suo piano di imbastardimento razziale delle popolazioni europee per meglio soggiogarle e dominarle (“Il manifesto paneuropeo” è il libro in cui, già diversi decenni fa, ciò veniva teorizzato e poi applicato dalle elites “illuminate” europee), né teorie che vengono spesso definite complottiste, poiché la questione è assai chiara e semplice: se smetti di fare figli, e favorisci l’ingresso di migliaia e migliaia di stranieri che i figli li fanno al posto tuo, e in quantità ben superiore alla tua, sei destinato, nel giro di qualche decennio, ad essere sostituito da questi ultimi.

Invertire la tendenza? Si può. Si deve. Con pochi e semplici passi.

Blocco dell’immigrazione clandestina (blocco navale) e rimpatrio forzato dei clandestini che sbarcano illegalmente sul Nostro suolo; sostegno della natalità alle famiglie che decidono di fare figli (i 35/45 euro al giorno spendiamoli per i nati italiani, e non per gli stranieri).

Uno Stato serio, avente a cuore il benessere della propria popolazione, si muoverebbe in questa direzione senza indugi. Ma noi abbiamo Gentiloni e Mattarella… mala tempora currunt.

Continue Reading

Una tragedia italiana diventa film porno, e tutti tacciono

È notizia recente che il noto regista pornografico Mario Salieri girerà un film porno sulle marocchinate.

Non siamo bacchettoni o moralisti, e un film pornografico, di per se, non ci scandalizza particolarmente. Quello che ci indigna, però, è che nessuno, tra i politici, i giornalisti o gli uomini delle istituzioni, abbia trovato alcunché nulla da ridire sul fatto che una vera e propria tragedia del popolo italiano venga così vigliaccamente insozzata. Tutto passa in cavalleria.

Il titolo della pellicola, del resto, lascia poco spazio ai dubbi: si chiamerà proprio “Le marocchinate”. Con questo termine si intende, infatti, quel flagello vero e proprio formato dai marocchini che – agli ordini del generale del corpo d’armata francese Alphonse Juin – si avventarono nel 1944 nel Basso Lazio, compiendo una serie di stupri e di violenze inenarrabili, specialmente ai danni delle donne e dei bambini, che vennero sistematicamente violentati e seviziati, quando non deliberatamente torturati e uccisi. La divisione marocchina, del resto, aveva avuto da Juin ampie rassicurazioni in merito: “Soldati questa volta non è solo la libertà delle vostre terre che vi offro se vincerete questa battaglia. Alle spalle del nemico vi sono donne, case, c’è un vino tra i migliori del mondo, c’è dell’oro. Tutto ciò sarà vostro se vincerete. Dovrete uccidere i tedeschi fino all’ultimo uomo e passare ad ogni costo. Quello che vi ho detto e promesso mantengo. Per cinquanta ore sarete i padroni assoluti di ciò che troverete al di là del nemico. Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete”. I marocchini furono gli esecutori, ma chi diede carta bianca al massacro e alle violenze indiscriminate (che secondo diverse stime contano intorno alle 50.000 donne violentate, mutilate ed uccise) fu bianco e portatore di democrazia in Italia. Un po’ come accade ancora adesso, specialmente in Medio Oriente e non solo, insomma.

Il giochetto, che oramai è diventato abbastanza semplice, è questo: possiamo provare ad immaginare cosa sarebbe accaduto se, anziché fare un film porno su una tragedia italiana e che coinvolge, do dovrebbe coinvolgere, tutti gli italiani – che vide decine di migliaia di donne preda degli istinti più beceri dei marocchini invasori agli ordini dei francesi durante il secondo conflitto mondiale – si fosse fatto un film porno su un’altra tragedia, magari una di quelle la cui trattazione è sancita per legge?

Cosa sarebbe accaduto se Mario Salieri avesse affermato di voler fare un film, ad esempio, sull’Olocausto? È facilmente immaginabile: avremmo assistito ad una mobilitazione generale, con ANPI, comunità ebraiche e sinistri vari in prima fila, pronti a ricordarci “la barbarie del regime nazista” (sic!) e a difendere l’aurea di sacralità e di intoccabilità che quell’episodio storico ha (nel bene o nel male) nella memoria collettiva; Mario Salieri sarebbe stato sottoposto ad una vera e propria gogna mediatica e finanche giudiziaria (per quelle vere si stanno ancora attrezzando) e non avrebbe potuto mai più impugnare una macchina da presa, gravato dalla colpa e dal peccato dell’unica religione che in questo continente è vietato revisionare o rielaborare, pena la detenzione giudiziaria.

Quello che colpisce è che nessuno abbia avuto alcunché da ridire su questa faccenda. Che nessuno abbia sentito il dovere di difendere quella che è a tutti gli effetti una tragedia italiana, che ha colpito le popolazioni (specialmente quella femminile) del Lazio, e quindi gli italiani tutti.

Continue Reading