Banner sito jpeg

L'unico movimento del e per il popolo italiano!

H&M: chi di politicamente corretto ferisce…

 

… di politicamente corretto perisce.

H&M, la nota linea internazionale di abbigliamento, è stata costretta a scusarsi pubblicamente per la foto di un capo per bambini in cui l’indossatore è un bambino nero con una felpina verde in cui c’è scritto “the coolest monkey”, che all’incirca, in italiano, suonerebbe come “la scimmia più toga” o qualcosa del genere.

Hanno l’indignazione facile, i radical chic: della povertà galoppante in Europa, della criminalità in aumento a causa di bande di clandestini stranieri, della recessione economica a loro non interessa nulla. Hanno, però, tutto il tempo per bandire crociate e vere e proprie campagne di boicottaggio controun marchio di abbigliamento che pure ha effettivamente fatto scuola nel campo delle pubblicità androgine e ambigue, una vera e propria campagna di indottrinamento “subliminale” volta a farci accettare come normali immagini e stili di abbigliamento che, fino a qualche anno fa, alcuni di noi non avrebbero trovato normali per niente.

 

A ciò si aggiunga che solo ad una mente prevenuta (se non malata) può venire in mente di vedere del razzismo in un bambino che indossa una felpa con una scritta palesemente scherzosa.

Sono i corto-circuiti del politicamente corretto, bellezza. Che ogni tanto colpisca anche chi contribuisce ad alimentarlo ogni giorno, beh, quelli sono gli inconvenienti del karma

Continue Reading

Il Male, almeno stavolta, ha vinto: non possiamo che esserne contenti

Diciamolo chiaro e senza mezzi termini: l’ideologia immigrazionista rischia di portare il Paese verso la guerra civile o, alla meglio, che qualcuno si faccia male sul serio.

L’isteria con cui la sinistra accantona la possibilità di prolungare il colpo di Stato con Gentiloni capo del Governo pur di far passare lo ius soli – dimostrando, quasi ce ne fosse ancora bisogno, di avere in totale spregio il popolo italiano e i suoi organi rappresentativi quando uno dei due o entrambi non siano d’accordo con le loro insane idee – è significativa di un modo di pensare che ha superato da tempo il normale dibattito politico, bensì si configura come una lotta tra Bene e Male.

Da una parte i paladini, i buoni per definizione, gli altruisti, i sostenitori dei diritti umani (come se quelli di una parte politica diversa invece non lo siano), i democratici; dall’altra i Fascisti, gli xenofobi, gli intolleranti, quelli della destra violenta che ritorna.

A niente serve cercare di ragionare con questa gente, esporre delle argomentazioni, provare a parlare insieme: diventano immediatamente isterici. Come ha ben dimostrato il caso dell’Unicef, che dalla sua pagina Facebook dà dell’idiota e del fascista ad un utente che aveva avuto il solo torto di esprimersi contro lo ius soli e contestare la chiara netta presa di posizione in favore dello stesso, anziché pensare a svolgere la sua azione super partes e difendere i bambini, come dovrebbe essere. Invece un organismo sovranazionale, che viene finanziato con 60 milioni all’anno di soldi dei cittadini italiani, entra a gamba tesa nel dibattito politico sull’immigrazione, disprezzando la scelta del Parlamento Italiano e di una grandissima parte della cittadinanza italiana che lo ius soli non lo vuole, prendendo una posizione nettamente e squisitamente politica.

I toni, come da copione, sono quelli piagnucolosi e patetici dei sinistri: veniamo a sapere che lo ius soli non passerà in questa legislatura (e molto probabilmente nemmeno nella prossima perché, lo speriamo vivamente, questi personaggi verranno asfaltati nelle urne elettorali) e ciò costituirà un motivo allarmante di discriminazione per 800.000 bambini stranieri che di colpo – non si sa come – saranno diversi dal resto degli altri bambini. Grandissime balle: la legge italiana permette ai bambini di diventare italiani al compimento del diciottesimo anno di età dopo la conclusione di almeno un ciclo scolastico (cosa buona e giusta perché è innanzitutto frequentando la Scuola che ci si forma a vivere secondo gli ordinamenti e gli indirizzi dello Stato ospitante) e, fino a quel momento, tutti i diritti fondamentali (istruzione, sanità, scuola) sono garantiti come a tutti i bambini.Oppure abbiamo avuto per settant’anni una legge che discrimina gli stranieri e non ce ne siamo mai accorti?

Queste argomentazioni, come detto, non valgono: basta l’epiteto di “fascista” per squalificare immediatamente il proprio interlocutore, porlo di colpo nel campo del “non umano” e quindi inadatto ad esprimere qualunque opinione, per quanto questo possa esser fatto in maniera pacata e civile: l’Unicef ci ha dimostrato chiaramente come si sia oramai accodato definitivamente al buonismo imperante. Viene da augurarci, come molto probabilmente accadrà, che le donazioni verso questo ente diminuiscano sensibilmente: se devono almeno insultarci che lo facciano con i loro soldi, e non con i nostri.

Se la sinistra, nel suo fortissimo desiderio di disgregare questa Nazione, fosse stata un po’ più onesta, non sarebbe certo andata da Mattarella ad elemosinare ancora qualche giorno di questo governicchio farlocco (dei vaneggiamenti di Gentiloni nella sua conferenza stampa di fine mandato ci sarà modo di parlare altrove), ma avrebbe agito con più coraggio. Non avrebbe cercato di introdurre lo ius soli forzatamente a fine legislatura, bensì avrebbe impostato questa istanza in apertura del nuovo governo. In altre parole si sarebbe presentata agli elettori con un programma elettorale chiaro che dicesse: “Se vinceremo le prossime elezioni introdurremo lo ius soli”. Ma sanno che, così facendo, perderebbero sonoramente le elezioni.Sanno che, in fondo, non è certo la parte maggioritaria di questo Paese a votare lo ius soli.

Tornando a quanto scritto in precedenza: il Male, almeno stavolta, ha vinto. E noi, che siamo sempre stati dalla parte del “Male assoluto”, non possiamo che esserne contenti.

Continue Reading

76 anni fa l’impresa di Alessandria

La notte di 76 anni fa, e precisamente il 19 dicembre 1941, sei uomini della Decima di Junio Valerio Borghese, uno dei reparti più arditi e più temerari di tutta la seconda guerra mondiale e più segnatamente dei reparti fascisti della Repubblica Sociale Italiana, compie un’azione destinata a rimanere nella Storia militare: a bordo di tre mezzi d’assalto chiamati dai militari italiani “maiali” per via della loro forma, più specificamente SLC (siluri a lenta corsa) penetrarono nel porto di Alessandria d’Egitto, riuscendo ad affondare due navi da guerra inglesi (la HMS Queen Elizabeth e la HMS Valiant) e mettendo fuori uso una nave cisterna (HMS Sagona) e un cacciatorpediniere (HMS Jervis).

L’impresa di Alessandria, così verrà chiamata, spinse addirittura lo stesso comando militare inglese a decorare tutti e sei i partecipanti dell’azione – Luigi Durand de la Penne, Emilio Bianchi, Antonio Marceglia, Spartaco Schergat, Vincenzo Martellotta, Mario Marino – con la medaglia d’oro al valor militare.

Questa azione militare, famosa ancora oggi per il coraggio e lo spirito di abnegazione con il quale venne condotto, al limite della follia, permise all’Italia, in quel momento, di avere la superiorità navale sulla flottiglia degli inglesi che, delle navi, avevano fatto, già da secoli, lo zoccolo duro del proprio esercito.

Winston Churchill dichiarerà: “Sei italiani equipaggiati con materiali di costo irrisorio hanno fatto vacillare l’equilibrio militare nel Mediterraneo a vantaggio dell’Asse”.

Continue Reading

Non è un mondo per uomini. Grazia alla Cassazione, da oggi, ancora meno

In Cassazione devono aver festeggiato in anticipo il Capodanno, e devono aver bevuto tanto, per partorire la 55481/17 del 13.12.2017: non può spiegarsi diversamente il procedimento con cui si è arrivati a questa sentenza che punisce chi, per avere una relazione sessuale con una donna, millanti qualità che non ha o si attribuisca caratteristiche che non gli spettano, incorre nel reato di violenza sessuale, e come tale è sanzionabile.

Salta subito agli occhi la stupidità di una simile sentenza, ancora più grave poiché emessa dalla Cassazione, quindi uno dei massimi organi legislativi del nostro ordinamento.

Partiamo da un dato di fatto: se sono tantissimi coloro che fanno finta di essere chi in realtà non sono (e ciò vale ancor di più in una società come la nostra, basata sull’ostentazione di ciò che spesso non si ha), sono anche tantissime le donne che frequentano un uomo anche e soprattutto per ciò che quell’uomo può concedere loro: una bella auto, una cena in un bel ristorante o, più generalmente, una situazione agiata. Volendo essere ancora più politicamente corretti potremmo dire che, spesso, ciò che colpisce una donna non è solo l’aspetto fisico, ma anche chi è quell’uomo, che tipo di lavoro fa, che tipo di vita conduce, in che modo si veste.

Chi di noi non ha mai esagerato un po’ con la descrizione di se stesso per far colpo su una donna? Chi di noi non ha mai preso l’auto del padre, magari più grande e più appariscente, per un primo appuntamento? Chi di noi non ha mai acquistato un capo di abbigliamento per quella determinata occasione o per quella determinata festa? Chi di noi, al momento di uscire con la ragazza della quale era perdutamente innamorato, non ha scialacquato qualche centinaio di euro – spesso risparmiati faticosamente da settimane prima – nel ristorante più caro della città, solo per “fare colpo”? Chi di noi non ha mai fatto il galante in un locale, magari stappando una bottiglia di champagne solo per essere generoso con una ragazza? E quanti di noi, spesso, non sono stati “scaricati” subito dopo, quando la ragazza in questione si è accorta che non potevamo permetterci a lungo quello stile di vita e quelle abitudini, dimostrando in tal modo di non aver mai puntato a noi ma solo ed esclusivamente al nostro portafoglio o a ciò che quel portafoglio poteva permettersi?

Nella società occidentale, il 97% dei morti in guerra sono uomini; il 76% dei suicidi sono uomini; l’85% dei senzatetto sono uomini; il 70% delle vittime di omicidi sono uomini; solo il 14% degli uomini ottiene la custodia dei figli dopo il divorzio: forse i magistrati di Cassazione dovrebbero concentrarsi su questi dati, anziché confezionare l’ennesimo regalo alla casta di femministe rancorose, braccio armato di questa società che vuole sminuire la figura dell’uomo per meglio avere una massa informe di miserabili bastardi da poter manipolare e comandare a piacimento, di cui non sentivamo proprio il bisogno.

Questo non è certamente un mondo per uomini. Adesso ancora meno.

Continue Reading

Il Governo contro gli “estremisti di destra”: sono sempre più nel panico

I colpi di coda di un regime che sente sempre più il fiato sul collo di un vento che cambia e che non tira più nella loro direzione sono sempre più sfacciati ed evidenti.

Due giorni fa il Ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha candidamente affermato di star lavorando, con il governo (un governo senza alcun mandato popolare, nemmeno simbolico) allo scioglimento di tutte le organizzazioni cosiddette di estrema destra, xenofobe, neofasciste. Ciò verrà fatto applicando la legislazione attuale, particolarmente la legge Scelba e la legge Mancino, in merito al reato di ricostituzione del partito fascista e istigazione all’odio razziale. Ma, viene precisato, non viene esclusa a prescindere una legislazione ad hoc. Questa frase, in particolar modo, dovrebbe richiamare la nostra attenzione.

Delle due l’una: se il governo ha intenzione di utilizzare la legislazione attualmente in vigore non c’è alcun bisogno di fare alcunché. Esiste una parte dello Stato attualmente delegato a questo compito, vale a dire la Magistratura, ed è alla Magistratura ed ai giudici che spetta il compito di vigilare ed, eventualmente, punire. 

Se, invece, si volesse dare una ulteriore limata alla legislazione attuale, ciò comproverebbe solo ed esclusivamente una cosa: che questa casta di parassiti ormai non sa più cosa fare per tappare le falle del sistema che lei stessa ha creato. Disoccupazione, miseria sociale, criminalità: sono tutte emergenze che non riescono ad arginare e sulla quale i partiti cosiddetti di “estrema destra” continuano a raccogliere e ad aumentare le proprie percentuali e i propri consensi, con gran sdegno di lor signori che hanno mobilitato l’intero apparato di regime (media e magistratura inclusi) per mettere a tacere le voci dissonanti. Con scarso successo, almeno fino ad ora.

Sono sempre più nel panico. Avanti così.

Continue Reading